Martedì, 24 Maggio 2022

Start up: a scuola di fallimenti


La rete è diventata una fonte inesauribile, non solo di informazioni, ma anche di lezioni. E soprattutto, ormai il suo utilizzo come mezzo di promozione è superato. Una nuova ed innovativa piattaforma partecipativa e “formativa”, è un esempio di utilizzi inaspettati. Si chiama Collapsed, ideata da Aaron kazah, un giovane programmatore londinese, e racconta le storie d’impresa di chi non ce l’ha fatta.

Qualcuno l’ha già chiamata il cimitero delle start up, ma sembra più un’analisi di case history al contrario: non si studiano i successi ma i fallimenti. In particolare, quelli delle start up. Per non commettere gli stessi errori. Il didascalico sbagliando s’impara, rivive di nuova gloria. Pare, appunto, che l’80% delle attività innovative non duri più di tre anni.

Il giovane ideatore raccoglie le testimonianze di start up sfortunate (per il momento sono soprattutto americane, ma stanno aumentando), e le pubblica sul suo sito. Chi vuole raccontare la sua storia si iscrive e racconta la sua storia, con link, documenti e dati scaricabili: anno di apertura e di chiusura, numero di lavoratori, caratteristiche del team, profili dei fondatori, finanziamenti ricevuti. Tra le principali cause di fallimento: l'incapacità di essere competitivi nel proprio mercato, l'insostenibilità del proprio modello di business, prodotti e servizi inadeguati, questioni legali, troppa ambizione degli inventori, costi fissi troppo alti, ricavi incerti e non programmabili. Un’idea davvero utile.


Servizi per la Gestione dei Dati
Contabili, Fiscali, del Personale e Legali

Via Sicilia, 50
00187 - Roma
Italia

info@aemnetwork.com

 

 


 

    tel +39 06 87768288
     tel +39 06 62209393